• Uncategorized

    Libertà di tenere il broncio, Libertà di arrabbiarsi, Libertà di indignarsi

    Ebbene si, sembra una cosa stupida, scontata e forse anche non necessaria, ma è molto difficile in questo nostro ventunesimo secolo, in questo mondo che si professa sì libero, tollerante e includente, avere il diritto di poter tirare un urlo, di poter dire “io non sono d’accordo” di potersi permettere di essere imbronciati. Quante volte ci è stato detto: “stai zitta, non ti puoi mica arrabbiare” “lascia stare non ne vale la pena” “non ti puoi permettere di alzare la voce” E siccome sono donna: “una signorina non fa così” Siamo allora davvero liberi? Siamo noi donne allora veramente emancipate? Penso alla dirigente di Uber Italia che si è trovata un…

  • Uncategorized

    MURI

    L’altra sera Rai5 ha trasmesso un film “Il giardino dei limoni”,  si intitolava. Il film finisce con un muro che viene costruito e inevitabilmente divide ed allontana i due lati. I muri non dovrebbero mai essere costruiti perché impediscono di vedere ciò che si trova dall’altra parte, impediscono di scoprire l’ignoto I muri alimentano questa paura L’essere umano nasce con la paura atavica verso il nuovo e il diverso. I muri alimentano questa paura L’essere umano nasce con la paura del buio perché nel buio non può vedere il suo vicino I muri alimentano questa paura L’essere umano alla fine è un animale e farà di tutto per sopravvivere e tornare ad…

  • Uncategorized

    The Very Inspiring Blogger Award

    Vorrei innanzitutto ringraziare Martina per avermi nominata per il premio The Very Inspiring Blogger Award. Qui di seguito vi lascio il suo indirizzo per poterla seguire: http://nanaphotoblog.wordpress.com/ Le regole del premio sono : 1.Ringraziare il/il blogger che vi ha nominato. 2. Elencare le regole e visualizzare il logo del premio. 3. Condividere 7 fatti su di voi. 4. Nominare 15 blogger e notificargli la nomination. Ed ora partiamo con i sette fatti su di me: 1) Sono pigra 2) Odio stare ferma 3)Adoro andare al cinema 4)Viaggiare,viaggiare,viaggiare 5) Londra 6)Quando sono nervosa cucino per un esercito e alla fine la soluzione ai problemi appare da sola 7)Il mio posto del…

  • Uncategorized

    Fra Rossella e Bridget

    ora, son qui di domenica sera che guardo la tele con i libri di inglese alla mia destra e un libro particolarmente impegnato “The Holy Barbarians”  in inglese anche lui ai miei piedi, e mi viene in mente questo pensiero: “Ma perché le donne  proiettano loro stesse su Bridget Jones? E soprattutto perché vogliono assomigliarle????” Tutte noi siamo state mollate, sofferto per amore, ubriacate con la peggior vodka e vomitato sul tappeto di casa ma il fatto non è questo, veramente vogliamo pensare a noi stesse come delle donne che si infilano la panciera per piacere ad un uomo???Veramente vogliamo essere quelle donne che si stupiscono se uno come Hugh…

  • Uncategorized

    Diana

    Avevo scritto un post tutto serio e impostato sul film ma no, non va bene. Diana voleva essere la  regina dei cuori delle persone e c’è riuscita; voleva anche essere la regina del cuore di una persona, a quanto pare, e qui c’è riuscita un po’ meno. Voleva aiutare gli altri e ce l’ha fatta, molto probabilmente la messa al bando delle mine antiuomo non ci sarebbe stata o sarebbe arrivata molto dopo se lei non si fosse impegnata così a fondo in questa battaglia, mettendoci  il cuore; voleva aiutare se stessa ad essere felice, ma in questa battaglia era sola e alle volte qualcuno accanto che ti dica “si…

  • Uncategorized

    Storie vere

    Ho visto Bling Ring.  Piccole considerazioni elencate in ordine sparso  sul film: 1) tanta pubblicità perchè fa Coppola di cognome,vero?! 2) Se hai la storia, più di metà del film è fatto, e qui la storia c’era, eccome se c’era – altro film tratto da una storia vera ma realmente, veramente, immensamente degno di nota è “Lord of Dogtown”,  sulla storia dell’evoluzione dello skate e anche qui siamo a L.A.-  3) troppo karma uccide se non riesci a sfruttarlo per diventare una starlette 4) meglio soli che mal accompagnati; non si affliggano perciò le madri di bambini solitari 5) quanto casino per due vestiti, sono proprio americani!

  • Uncategorized

    Nessuna domanda è mai banale

    Una domanda che mi pongo da un pò di tempo è questa: “ma perché se al cinema si va per vedere un film, drammatico, comico, commedia, polpettone o qualunque altro genere, e perciò si presume che si stia in silenzio per la maggior parte del tempo, salvo escludere eventuale aperitivo prima e pizza dopo, si cerca di andare sempre al cinema in compagnia anche a costo di spiacevoli accompagnamenti?”  E siccome non ho trovato una risposta soddisfacente ho deciso che il mio amore per il cinematografo valeva molto più di qualunque  pomeriggio passato a cercare “amici” da convincere a venire con me e ho cominciato ad andare da sola perché…

  • Uncategorized

    Piccole riflessioni sui film

    Mia grande passione è il cinema; amo le sale cinematografiche allo stesso modo in cui amo i film, ho sempre pensato che uscire di casa anche con un tempo orribile, la fila al botteghino, lo strappo del biglietto, la scelta del posto, fossero tutti gesti intrisi di una qualche sacralità al pari dei riti consuetudinari tipici delle messe domenicali in cui tutti noi ci siamo sicuramente imbattuti più volte, specie se cresciuti in città medio-piccole dove la “messa delle dieci la domenica mattina” è un evento sociale della massima importanza.  Viareggio,dove vivo e sono cresciuta, era considerata fino a un decennio fa una delle maggiori piazze italiane per promuovere i film…