Come Un Coriandolo

carnevale 2013

Particolare di un Carro Allegorico; Carnevale 2013

 

Eccolo, il periodo dell’anno che rende magica più di quanto non sia già, Viareggio

Spettacolo unico quello che si snoda lungo i viali a mare nelle quattro settimane a ridosso della Pasqua

Radici antiche e quanto mai povere ha il nostro Carnevale, nato a fine Ottocento, trova la sua forma attuale dopo la prima guerra mondiale, dove la tecnica della cartapesta si affina e nasce così la tecnica della carta a calco, usata ancora oggi per creare i Carri Allegorici.

Continua a leggere…

Bologna,una Vecchia Signora

20160131_114703

Panoramica di Piazza Maggiore

Bologna conosciuta attraverso il libro Jack Frusciante, Bologna sognata attraverso i racconti dello Zio Guccio, le parole di Lucio, una 50 special con Cesare

Bologna in 24 ore con il mio coinqui durante il fine settimana di Arte Fiera

Noi non siamo amanti dei viaggi in macchina, siamo perciò andati in treno usando solo il regionale da Prato e non l’alta velocità scoprendo che in realtà la differenza è solo di mezz’ora ma di diversi euro risparmiati! Il centro di Bologna è praticamente tutto pedonale e per andare ad Artefiera ci sono diverse navette che partono sia dalla Stazione che dai punti centrali della città perciò la scelta del treno è stata più che azzeccata.

Cosa si fa a Bologna in 24 ore?

Continua a leggere…

Cosa succederà nel 2018?

Il Molo della Madonnina

Uno dei tre Moli di Viareggio

 

La Befana è passata, si è portata via tutte le feste e ora possiamo passare seriamente a pensare al 2018!

Non so voi, ma a me le feste natalizie mi svuotano completamente e vivo come in un limbo fino al giorno in cui sfaccio l’albero e per magia la testa torna a riempirsi di idee, progetti e soprattutto di nuovi posti da visitare, sarà la cioccolata che trovo nella calza?!

Dove ci porterà questo 2018?

Continua a leggere…

2017, Adieu

la pace

My fav Spa

 

Questo 2017 mi ha lasciato un po’ l’amaro in bocca, ma mi ha anche insegnato a sorridere e danzare nella tempesta, il mio essere estremamente pragmatica mi salva dalle crisi d’ansia che riguardano il futuro ma inevitabilmente alle volte continuo ad avere la sensazione di annaspare in un mare con troppe correnti.  Continua a leggere…

Forte dei Marmi d’Inverno

Qualche giorno fa io e il coinqui avevamo voglia di fare un giro, c’era il sole e abbiamo deciso di andare qualche km a nord.

Quando ero piccola mia mamma lavorava al Forte in un negozio d’arredamento, interior design si direbbe oggi, ogni tanto la seguivo e sono rimasta molto affezionata a quei luoghi del cuore; ogni volta che cammino per le stradine del centro ho sempre quella sensazione di seguire un percorso tracciato molti anni fa e già questo scalda il cuore. Continua a leggere…

Sul Thanksgiving Day, Sul giorno contro la violenza sulle donne e sull’essere grati in generale

Ero partita con lo scrivere qualcosa riguardo alla gratitudine, sull’essere felici della vita degna di essere vissuta, sul non essere arrabbiati con il mondo, sul concentrarsi sui propri obbiettivi e non guardare sempre l’erba del vicino, ma poi ho pensato che ciò di cui sono più grata e per cui mi sento di ringraziare la vita sia:

essere donna

ecco oltre le marce sui diritti delle donne, oltre tutti i giorni del ringraziamento possibili immaginabili, io sono grata al mondo del mio essere donna

è difficile

è un casino

devi sempre stare attenta a tutto

sei per più di metà della vita in balia degli ormoni

ma essere donna è bello

forse la prima cosa da fare per un futuro per noi migliore è questa

essere fiere di noi stesse

Cominciare a guardarci allo specchio e pensare che siamo forti, che siamo brave che possiamo arrivare ovunque e fare qualunque cosa senza aver bisogno di chiedere il permesso a nessuno, men che meno a noi stesse, senza sentirci in colpa per la nostra mancata rettitudine, senza doverci paragonare in una frazione di secondo a -in rigoroso ordine sparso e senza classifica:

Marie Curie

Madre Teresa di Calcutta

L’angelo di Victoria Secret 

 

Ci possiamo provare a farlo fino al prossimo 8  Marzo quando con la prossima marcia si ricorderanno/ci ricorderemo di noi?

 

Ps: Ebbene sì, l’avete capito, io sono femminista dentro, mi viene il sangue alle mani quando vedo che le cose non vanno come dovrebbero, che nonostante tutte le leggi, le circolari, le quote rosa, i nostri “diritti” vengano quotidianamente calpestati o anzi meglio, ignorati, che ci si riempe la bocca di belle parole, si scrivono bei progetti ma poi nel mondo reale purtroppo si continua a rimbalzare contro muri di gomma spessi e silenziosi.

Ieri girovagavo senza meta in rete e mi sono imbattuta nel video che linko qua sotto, che spiega forse nel modo migliore che la violenza subita non è solo fisica e non viene solo dagli uomini

 

Grazie a MariaBeatrice Alonzi per il filmato, a Maria Rita Azzaro per il testo e a Simona Faustino Ventapane per l’interpretazione

 

 

 

 

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: