Uncategorized

Carnevale e la sensazione di essere come sul binario 9 e 3/4 di Harry Potter

La rete

Carnevale è finito da quasi un mese, abbastanza per non avere più i coriandoli ovunque ma non troppo per sentire di nuovo il bisogno di mascherarsi, è questo il momento giusto per provare a dire quello che per me e i miei concittadini significa questo immenso mondo parallelo in cui la mia città si tuffa ogni anno per un mese intero.

Povera ItaliaTeatrantischerzo di carnevalePiccole creature per grandi opere

Le parole non riusciranno mai ad esprimere al meglio la sensazione che si prova quando il sabato dell’apertura ci troviamo sotto il pennone a vedere la bandiera che si issa, la gioia di vedere i carri la prima volta ed ogni volta come se fosse la prima, le discussioni intorno alle costruzioni, la pienezza del cuore quando si esce di casa mascherati per andare verso il corso, la consapevolezza che si vive un’esperienza unica ogni volta e che non sarà possibile riviverla in nessun’altro punto del globo.Piccoli protagonistiAccerchiatoMini Italia

Il Carnevale è lo sguardo di un bambino che sentendo i verdetti si è incupito e poi è scoppiato in lacrime perché il “suo carro” non ha vinto, ecco quella delusione lì, che ti viene fuori solo quando ti senti parte di qualcosa è il senso più profondo e vero del carnevale.



Momenti SguardiBalli

I pericoli del mondo moderno


Coreografie Signor G

se ci credi...auguri mascheroni mascheranti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.